ASSISTENZA AL CLIENTE

Da una pergamena dell’Abbazia di Marola, fondata per espressa volontà di  Matilde di Canossa, nel 1159 : l’abate Giovanni,  con il beneplacito del consiglio dei confratelli, concede a Giovanni, Domenico e Martino, fratelli di Formolaria due appezzamenti di terreno in affitto per 29 anni. A condizione che vivano su quella terra, la coltivino e la migliorino e che paghino come affitto, a Natale tre soldi e mezzo di buoni denari di argento di Lucca e “tres aportos de formadio”. È la prima volta che in uno scritto,  datato ormai 850 anni or sono, si parla del precursore del Formaggio Parmigiano Reggiano.

Oggi come da secoli ormai il Parmigiano Reggiano si fa solo ed esclusivamente con latte, sale e caglio, nessun altro ingrediente o conservante aggiunto.

Servono circa 600 litri di latte per produrre una forma di Parmigiano Reggiano del peso approssimativo di 40 kg, la sapiente lavorazione dei nostri maestri casari che ripete ogni giorno il rito della produzione di questo formaggio che non ha eguali al mondo.